SCHEDA DESTINAZIONE
Una panoramica di Bourges
Bourges - Francia - Francia centrale

Una panoramica di Bourges
Città della Francia centrale, capoluogo del dipartimento del Cher, nella regione Centre, alla confluenza dei fiumi Yèvre e Auron. La città è il polo industriale della regione: produce armi, materiale aeronautico, elettrodomestici, prodotti agroalimentari, liquori e caucciù.

Bourges, che sorge sul sito dell'antica Avaricum, capitale dei galli biturigi, venne conquistata da Giulio Cesare durante la prima campagna di Gallia nel 52 a.C. Metropoli dell'Aquitania nel 4° secolo, divenne presto capoluogo della contea circostante e nel 1362 capitale del ducato di Berry. I duchi di Berry l'abbellirono chiamando artisti da tutta l'Europa. Durante la guerra dei Cent'anni fu eletta capitale da Carlo VII di Francia, il quale nel 1438 emise la Prammatica sanzione, che limitava l'autorità papale sulla Chiesa di Francia. Luigi XI, originario della città (vi nacque nel 1423) nel 1463 fondò un'Università, che 70 anni dopo contribuì alla formazione di Calvino mettendo questo futuro riformatore della Chiesa per la prima volta a contatto con le idee luterane che lo influenzeranno profondamente. L'Università venne soppressa durante la Rivoluzione francese. Lo sviluppo economico e demografico della città nel19° secolo è senza dubbio opera di Napoleone III che scelse Bourges per installarvi l'Arsenale di Francia e la Fonderia Imperiale. La città divenne quindi un importante centro per gli armamenti e questa opportunità le permise di dar vita anche a numerosi progetti di urbanesimo che hanno poi portato alla Bourges del 20° secolo: canale del Berry, ferrovia, viali, nuovi quartieri... La ferrovia favorì anche lo sviluppo della vicina Vierzon, mentre St Amand Montrond accoglie l'industria dell'oro. Il rinnovamento culturale del dipartimento è simboleggiato dalla Casa della Cultura di Bourges, inaugurata nel 1962. Attualmente la città è famosa per il suo festival musicale "Printemps de Bourges" (aprile) e per il percorso notturno con suoni e luci "Les nuits lumière".

Fra i monumenti di Bourges, oltre alla gotica Cattedrale St Etienne, iscritta alla lista del Patrimonio Mondiale UNESCO dal 1992, troviamo il Palazzo Jacques Cur del 15° secolo, una testimonianza del benessere materiale dei mercanti e dei finanzieri durante il Medioevo. I vecchi quartieri che si estendono soprattutto al nord della Cattedrale formano un vasto settore salvaguardato di 64 ha creato nel 1965 grazie alla Legge Malraux: esso racchiude circa 400 case a travi di legno del 15° e 16° secolo (poste soprattutto nella Rue Bourbonnoux e nella Place Gordaine). La città possiede numerosi musei, tra i quali il museo di Arti Decorative, ubicato presso l'antica dimora dei Lallemant, costruita in stile rinascimentale. Bourges classificata città d'arte e di storia, gemellata fra le altre con Forlì si trova lungo la VIA LEMOVICENSIS dei Cammini di Santiago.

Fonte: Franca Fanti